Efficienza Organizzativa ed Operativa

In diversi anni di attività, abbiamo verificato che per raggiungere e mantenere un elevato livello di Efficienza Organizzativa ed Operativa (Operational Excellence), le aziende necessitano di un approccio diverso da quello offerto dal controllo di gestione o da un sistema di gestione certificato.

L’eccellenza organizzativa è un traguardo che non si raggiunge in tempi rapidi, ma è un viaggio continuo, in cui si cerca di ottimizzare costantemente i propri processi produttivi e decisionali, perché quello che oggi è “eccellenza”, domani può diventare “mediocrità”.

    Per consentire alle aziende di raggiungere e mantenere l’Efficienza Organizzativa e Operativa, si può intervenire sul sistema nel suo complesso, oppure sul singolo processo. Per gestire le diverse problematiche, abbiamo elaborato un metodo di intervento denominato A.R.R.C..

    Il metodo si compone di 4 fasi:

    Fase 1: Analizza Fase

    Fase 2: Ricerca Fase
    Fase 3: Ridisegna Fase
    Fase 4: Controlla

    Stabiliti quali sono i processi critici da considerare, il metodo si applica come segue:

    Fase 1 - Analizza:

    • Individuazione degli obiettivi che il processo dovrebbe raggiungere.
    • Mappatura del processo esistente (chi fa cosa, come, quando, perché, mezzi, strumenti e attrezzature, risorse finanziarie, deleghe).
    • Individuazione degli indicatori utilizzati per monitorare il processo.
    • Individuazione del livello di maturità e di efficienza organizzativa.

    Parliamo quindi di una diagnosi che ci consente di capire lo stato dell’arte organizzativo e operativo dell’azienda.

    Fase 2 - Ricerca:

    • Confronto tra gli obiettivi prefissati e i reali risultati ottenuti, con la conseguente ricerca dei problemi che hanno causato lo scostamento (analisi del rischio, root-cause analysis, brainstorming, analisi non conformità etc.).
    • Individuazione delle soluzioni da applicare per eliminare lo scostamento (metodologie lean, re-ingegnerizzazione dei processi, utilizzo di nuove tecnologie, strumenti statistici, azioni correttive etc.).
    • Verifica della validità degli indicatori esistenti (conferma, modifica, integrazione).​

    Fase 3 - Ridisegna: 

    • Individuazione di nuovi obiettivi e dei mezzi per raggiungerli.
    • Riorganizzazione del processo applicando le soluzioni individuate per rimuovere la causa dei problemi, con la conseguente stesura di una nuova mappatura dei processi.
    • Individuazione di eventuali nuovi indicatori.

    Fase 4 - Controlla:

    • Controllo del raggiungimento degli obiettivi prefissati.
    • Controllo, attraverso gli indicatori, della validità delle soluzioni individuate.
    • Reiterazione della fase di Analisi, qualora le soluzioni applicate risultassero inadeguate.

    Cosa implica la ricerca dell’Efficienza Organizzativa ed Operativa attraverso l’applicazione della metodologia A.R.R.C.? Sicuramente un Cambiamento, che prevede il supporto da parte della Direzione, il coinvolgimento del personale, nonché l’utilizzo di nuove tecnologie. Un vestito fatto su misura che porta a un “cambiamento gestito”, ovvero la chiave per guidare l’azienda verso nuovi e più ambiziosi traguardi.

    I vantaggi in termini di efficienza ed efficacia dei processi, derivanti dall’applicazione del metodo A.R.R.C., sono concreti, misurabili e duraturi nel tempo.

    Dott. Andrea Benfenati
    Membro dell'Accademia Italiana del Sei Sigma
    Share by: